ACCADICA MAGAZINE
Cerca
Close this search box.

PIAZZE DEI SAPORI

A Pane e Pace il premio “Guardiani del Gusto”

Pane e Pace si aggiudica il premio «Guardiani del Gusto 2024», riconoscimento assegnato dalla Confesercenti Verona all’azienda che più ha saputo mantenere vive le tradizioni culturali ed eno-gastronomiche del territorio attraverso i propri prodotti.
Durante Le Piazze dei Sapori, all’interno del Teatro Ghiotto, è stato conferito il premio.
Presente il portavoce della famiglia Perrone, che ha raccontato la storia e la filosofia del brand: “Oggi abbiamo bisogno di pane per nutrire il corpo e pace per nutrire lo spirito. Nel 2004 quando abbiamo rilanciato il brand, abbiamo unito queste due parole così importanti, per essere promotori, attraverso l’amore per il cibo, di un messaggio positivo.
La nostra famiglia ha origini profonde nella città di Matera: da generazioni produciamo il pane nel forno a legna. L’attenzione alla sostenibilità è molto alta, infatti per cuocere il pane vengono impiegati rami della potatura del sottobosco e di olivo. La cenere poi la recuperiamo per la concimazione dei terreni di olivo.
Le stesse olive, frutto dei terreni, vengono utilizzati per l’olio e come ingredienti in alcuni ricette del forno. Oggi il nostro pane arriva molto lontano: grazie alla ricerca delle migliori farine, potete trovarlo in Europa, fino a Tokyo”.
Ha continuato Alessandro Torluccio direttore di Confesercenti: “La vera connessione è stato Salvatore Russo che durante l’organizzazione dell’ultimo &LOVE, l’evento dedicato alla comunicazione e marketing che si tiene ogni anno in città, mi ha presentato questa casehistory che subito mi ha colpito.
C’erano tutti gli ingredienti per conferire a lui il premio Guardiani del Gusto: qualità, ricerca, rispetto della tradizione e promozione del territorio attraverso la gastronomia, sostenibilità.
Mi sono confrontato con il Presidente Paolo Bissoli e non abbiamo avuto dubbi. Pane e Pace si aggiudica quindi questo riconoscimento.
Inoltre, a nome di tutta Confesercenti Verona, volevamo ringraziare di cuore anche Salvatore Russo, che ha più di dieci anni porta nella nostra città un evento che parla con di marketing, comunicazione e porta ogni anno casi studio di piccole medie imprese che hanno saputo raccontarsi, promuoversi e attraverso lo storytelling, far innamorare il proprio pubblico del prodotto.
Oggi c’è un sovraccarico di informazioni e saper distinguersi e raccontarsi è fondamentale, soprattutto per quelle piccolemedie imprese che non possono competere per quantità di produzione con la grande distribuzione ma che tutelano il Made in Italy e la tradizione della nostra cultura gastronomica”.

ACCADICA

Registrati per ricevere ogni mese la tua copia gratuita del magazine ACCADICA